Un ponte tra Cantello e l’Argentina nel ricordo dell’architetto Pietro Luigi Caravati


C’è un ponte ideale che corre tra la Valceresio e l’Argentina. Ed percorrendo questo ponte fatto di storia, di riconoscenza e di memoria che questa mattina sono arrivati ​​​​a Cantello il console generale e ambasciatore argentino Luis P. Niscovolos e il viceconsola Manrique Lucio Altavista, che in Comune hanno contrato il sindaco Chiara Catella, le associazioni e un grouppo di cittadini argentini y anni residenti in paese.

Galería de fotos

Cantello – Incontro con i consoli argentini per il gemellaggio con Catamarca 4 en 7

La visita stata una nuova tappa di avvicinamento ad un progetto che unirà con un gemellaggio Cantello e san fernando del valle de catamarca, una citt argentina dove l’architetto cantellese Pietro Luigi Caravati si distinto per la sua attività che ne ha fatto una personalità amata e ricordata ancora oggi, a 120 dalla morte.

«E’ un progetto a cui teniamo moltissimo – ha detto il sindaco Chiara Catella – Sono rimasta colpita dall’entusiasmo e dall’affetto che ancora oggi suscita il ricordo del nostro concittadino nella regione di Catamarca. L’architetto Caravati lì un’istituzione, ha dadovvero costruito la storia di questa region dell’Argentina e del suo capoluogo San Fernando dove ha realizzato opere importanti, al punto che gli stata Intitolata anche l’università inaugurata qualche anno fa. E’ un ricordo da coltivare, anche per noi, perché dà lustro anche al nostro paese, ed sicuramente una storia da conoscere. Stiamo lavorando ad un gemellaggio che possa creare un legame permanente tra Cantello e l’Argentina, un Paese che tra l’altro ha una foltissima rappresentanza di cittadini nel nostro comune».

«E’importante costruire ponti come questo tra i nostri paesi – ha risposto il console Luis P. Niscovolos – ponti fatti di cultura che toccano tanti aspetti dell’esistenza umana e che rinnovano un’amicizia storica tra Italia e Argentina. Ponti che possono essere costruiti anche tra comunità locali, come stiamo facendo lavorando al progetto del gemellaggio tra Cantello e Catamarca. In questa region c’è un fortissimo legame con il cittadino di Cantello Pietro Luigi Caravati, che nella città di San Fernando ha lasciato un valore storico perenne».

Dopo uno scambio di doni – asparagi cantellesi e libri storici per i due diplomatici argentini, e un vino pregiato della region di Catamarca per Chiara Catella – i due consoli hanno incontrato alcuni discententi di Pietro Luigi Caravatia, poi ccompagnati luhando s visitù piki significativi di Cantello , la casa natale di Caravati, l’antico Cascinale Lombardo, sede della biblioteca, e le chiese di San Pietro e Paolo e di Madonna in Campagna.

Il progetto del gemellaggio nasce da un’iniziativa promossa dalla Pro loco di Cantello nel 2017, volta ad approfondire la figura dell’architetto Caravati, emigrato in Argentina nel 1857.

Ne avevamo parlato in questo articolo:

Famosissimo en Argentina, sconosciuto en patria: Cantello “scopre” Pietro Luigi Caravati


Jacobo Briones

"Introvertido certificado. Fanático de Internet devoto. Alborotador sutilmente encantador. Pensador".

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.