Con la radiolina sulla tomba del figlio, dall’Argentina una foto fa piangere i social: calcio, tifo, preghiera

Con la radiolina sulla tomba del figlio, dall’Argentina la foto viral. Non solo odio e conformismo sono viral sui social, non solo un gioco per billon e teledipendenti il ​​​​vituperato pallone. Una foto scattata in un camposanto argentino restituisce un po’ di speranza su un genere umano piuttosto abbacchiato e disilluso.

Con la radiolina sulla tomba del figlio, dall’Argentina una foto

E se una lacrimuccia fa capolino, lasciamola pure correre. Seduto su una panchina accanto a una tomba c’è un uomo. Nella tomba riposa el figlio. L’uomo ascolta, concentrato, la voce di una radiolina.

Sta siguiendo una partida de calcio. Precisamente la partita del San Martìn de Tucuman, di cui tifosissimo. In cui era tifosissimo anche Nahuel Pérez, detto Dibu, suo figlio.

E’morto in un incidente stradale cinque anni fa. Uno scontro con un camion a Santiago del Estero: tornava da una trasferta della sua squadra del cuore. Da allora suo padre non si perde una partita del San Martn.

Cascasse il mondo, lui va dove Dibu non può che aspettarlo e segue la partita insieme a lui. Più di un’abitudine, un rito. Soffre, gioisce, impreca, esulta: sa che da qualche parte qualcuno ascolta.

Non si fa la stessa cosa quando si prega? E il tifo non forse una preghiera?

Gregorio Estremera

"Pionero de Internet. Alborotador. Apasionado amante del alcohol. Defensor de la cerveza. Zombie ninja".

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.